Facebook Twitter
lightlawsuit.com

La Tensione Tra Dubbio E Certezza

Pubblicato il Febbraio 16, 2022 da Manuel Yoon

Ogni negoziazione mediata oscilla tra certezza e incertezza. Le parti cercano certezza anche se molto spesso vengono assediate dai dubbi. Le persone che entrano in discussioni incontrano gelosia, che è solo un'altra parola per paura, sebbene la paura espresse in un livello molto basso di intensità. Il motivo per cui sono arrivati ​​da un mediatore è perché non si sentivano in grado di raggiungere da soli un risultato negoziato.

Quindi, una discussione mediata è già, quasi per definizione, una discussione che è andata male o non è iniziata o che ha una prognosi dubbiosa.

Nel corso della vita della maggior parte delle persone, stanno negoziando in momenti diversi per una varietà di cose e milioni di discussioni vengono realizzate quotidianamente senza aver bisogno dell'intervento di un mediatore esperto. Pertanto, fin dall'inizio vediamo una negoziazione mediata comprende elementi di difficoltà che hanno portato le parti a essere pronte a spendere soldi per i servizi di uno specialista nel campo specifico.

In generale, una parte deve sperimentare dubbi per poter raggiungere una soluzione mediata. L'esperienza dell'incertezza è scomoda. L'esperienza della certezza è molto più piacevole. La gente cerca certezza per essere in grado di prevenire il dolore dell'incertezza. Una parte di una negoziazione ha generalmente raggiunto una misura di certezza sulla posizione che stanno assumendo e che la certezza che è una condizione psicologica è aumentata e sostenuta da ogni tipo, fattori, sentimenti, emozioni, atteggiamenti e argomenti, tutti i quali sono condizioni mentali.

Tuttavia, la natura di una negoziazione è che un risultato reciprocamente soddisfatto non può mai essere raggiunto a meno che ciascuna parte non sia pronta a cambiare posizione. Tale cambiamento comporta il movimento da un luogo ben fortificato a una posizione di incertezza.

Il processo di spostamento da un posto all'altro è emotivamente faticoso, il che spiega il motivo per cui l'esistenza di un mediatore può essere di grande aiuto e comfort. Ogni volta che le parti sono arrivate in un posto diverso, scaveranno con tutti i tipi di disaccordi e preoccupazioni, pensieri psicologici e atteggiamenti e raggiungeranno gradualmente o rapidamente un livello di certezza sulla nuova posizione che hanno ora assunto.

Potrebbe essere necessario che le parti spostino la posizione molte volte prima di arrivare alla zona del potenziale accordo. Questo è il motivo per cui hanno bisogno di oscillare tra certezza e incertezza più e più volte, e questo è il motivo per cui molte persone preferirebbero ricorrere alla battaglia, proprio perché è possibile andare in una battaglia senza mai aver bisogno di cambiare la testa o attraversare il Una specie di tensione mentale che è coinvolta nel cambiare la mente di quella.

Molte organizzazioni tra cui dipartimenti governativi in ​​cui le procedure per prendere decisioni sono istituzionalizzate e imbarazzanti, trovano più facile lasciare la decisione a qualcun altro piuttosto che sottoporsi allo stress e ai problemi di prendere decisioni.

Molti casi vanno al processo perché una o entrambe le parti non sono disposte a prendere parte al duro compito di negoziare un accordo. Il lavoro del mediatore, se queste parti sono pronte a stipulare una negoziazione mediata, è di aiutarli a superare gli ostacoli interni al raggiungimento dei cambiamenti necessari per evitare un risultato di terze parti.

Ovviamente, molte volte il motivo per cui una questione procede al processo o altra battaglia è perché una o entrambe le parti hanno semplicemente letto male la situazione in effetti.

Tutte le discussioni hanno un aspetto interno ed esterno. La parte interna è le reazioni soggettive della persona a ciò che sta accadendo. La realtà esterna è ciò che il sistema legale ha lo scopo di affrontare; In realtà, il sistema legale è progettato per spremere da questa procedura tutta la reazione mentale o psicologica e anche per delineare solo i fatti che possono essere forniti in evidenza che sono rilevanti, vale a dire, che hanno un effetto sulla questione legale presentata alla corte. Ma anche qui, il mediatore ha una parte molto importante da svolgere, nell'essere una cassa di risonanza contro la quale le parti possono esaminare la verità della propria opinione su questa circostanza.

Pertanto vediamo che le parti possono avere una visione distorta della realtà, oltre ad avere atteggiamenti emotivi impropri nei confronti del problema. Questa è nota come la differenza la vera negoziazione e la discussione ombra e il mediatore specializzato deve essere esperto nel trattare con questi vari aspetti.

In questo modo, il lavoro del mediatore è molto più complicato del compito di un tribunale, che ha avuto tutto il lato emotivo di esso spremuto dalle regole delle prove, in modo che un problema sterile possa essere presentato per un accordo legale . Tuttavia, tali risoluzioni tendono ad essere insoddisfacenti per entrambe le parti e sono sempre insoddisfacenti per la parte perdente.

Sebbene la discussione mediata sia difficile e spesso molto più stressante per le parti di una prova, tuttavia è lo straordinario vantaggio che provoca una soluzione raggiunta dalle parti stesse. Tali risoluzioni negoziate sono molto più stabili. Non solo portano alla finalità, ma anche in un rilascio di onere emotivo su ciascun lato. Sono quindi un'esperienza di guarigione, e in questo grado sono un modo molto più civile e sofisticato di risolvere le controversie rispetto al sistema legale, che dichiara semplicemente un vincitore e un perdente.